Hotel Motel Dosdè Grosio Valtellina

Una simpatica raccolta di Proverbi e modi di dire in dialetto Grosino.

Ho trascritto solo la traduzione in italiano.. lasciamo a voi l'interpretazione!

L’aqua la fa marscìr al fónt di ségi e al vin al fa cantär i brùti végi.
L’acqua fa marcire il fondo delle secchie di legno mentre il vino fa cantare (anche) le brutte vecchie

Un bón café al g’à de esèr: sedént, sbuént e per gnént.
Un buon caffè deve essere: bevuto da seduti, bollente e gratis.

L’è méi murì pién che campä schìsc.
Meglio morire pieni che campare di stenti

Al purscèl léch al vén mai gras.
Il Maiale schizzinoso non ingrassa mai

Al pän di altri al g’a su sèt crósti.
Il Pane altrui ha sette croste

Chi giuga de testa, päga de bórsa.
Chi è troppo impulsivo ne paga le conseguenze

I piöc’ i taca sémpre i càuri mägri.
I pidocchi infestano sempre le capre più magre.

L’è mei un chegadór de per lór che un palàz insém.
E’ meglio possedere una latrina che essere comproprietari di un condominio.

La róba che vén de rif la va de raf.
La ricchezza che si acquisisce illegalmente se ne va velocemente.

Mèi róter scàrpi che lenzöi.
Meglio rompere scarpe che lenzuola.

Chi cura la sóa pèl, al cura un gran castèl.
Chi cura la sua pelle, cura un gran castello.

L’è méi stä visìn a sèt che chèga che a un che taia su légna.
E’ meno rischioso stare vicino a sette persone che stanno defecando piuttosto che a uno che sta tagliando legna.

Tuc’ i salmi i finìs in glòria e tuti i fèsti in paciatòria.
Tutti i salmi finiscono con un gloria e tutte le feste con un’abbuffata.

Basa de cul, bóna de öf.
Bassa di sedere, buona ovaiola.

L’é méi un grän de pöver che un fich de äsen.
Meglio un grano di pepe che un escremento di asino.

Da un sciùch märsc al po’ miga vignì fò astèli bónii
Da un ceppo marcio non si possono ricavare schegge sane.

L’é la vaca insciutäda che la tra de la cóa e la insciòta i altri.
E’ la mucca sporca di sterco che agitando la coda sporca le altre.

A trä aqua su’n del mur tuta la vén miga gió.
A buttare acqua sul muro, il muro resta bagnato

Per viver bén a stu móon, as g’a de savé mastegä amar e spudä dölc’
Per vivere bene a questo mondo, bisogna essere capaci di masticare amaro e sputare dolce.

Per èser cuntént, s’à de sàver cuntentàs.
Per essere contenti, bisogna sapersi accontentare.

Córa l’acqua la toca al cul, al cul al se alza.
Quando l’acqua bagna il sedere, il sedere si alza.

Quandu al cél al fa al pän se’l piöf miga incö al piuverà dumän.
Quando le nuvole assomigliano a delle pagnotte, se non piove oggi pioverà domani.

Quandu al mänca i càvai al tròta i äsen.
In mancanza di cavalli, trottano gli asini.

Al se sèra ‘na pòrta, al se dervìs un purtón.
Si chiude una porta e si spalanca un portone.

La cunsulazión di mìser, l’è de truàs cui sòci.
La consolazione dei poveri è di trovarsi in compagnia degli amici.

Mén Gàlini, mén squìti.
Meno Galline, meno feci di gallina.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per le finalità illustrate nella cookie policy.
Senza i cookie alcune parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Proseguendo la navigazione si accetta implicitamente il loro utilizzo.