Bed & Breakfast Settimo Cielo- Grosio Valtellina

Anticamente i "coscritti" erano giovani dello stesso anno di nascita che si preparavano al servizio Militare (la leva o Naja)

Una volta raggiunta la maggiore età (fino al 1975 era al compimento dei 21 anni, mentre successivamente a 18 anni), anche i ragazzi del comune di Grosio venivano sottoposti ad una visita medica di leva presso il distretto militare o un ufficio distaccato dello stesso, (prima a Sondrio - poi a Como) e, se dichiarati idonei ("Abili"), venivano arruolati nei vari corpi delle Forze Armate Italiane, come l’Esercito (in prevalenza nel corpo degli Alpini), la Marina, l'Aeronautica e, successivamente, anche nei Carabinieri.

In prossimità della data della visita di leva i “coscritti" e le “coscritte” alle quali, in precedenza era stato affidato il compito di ricamare sulla bandiera tricolore il simbolo scelto dalla classe (in alcuni casi anche un "motto"), si ritrovano per circa una decina di giorni per fare festa in compagnia, un tempo accompagnati, se possibile, da un suonatore di fisarmonica che li seguiva negli spostamenti lungo le strade del paese e negli ambienti pubblici (bar, osterie) e provvedeva alla musica per allegre ballate in compagnia.

Da un po' di tempo a questa parte la tradizione vuole che a partire dalla mezzanotte del giorno di San Silvestro (31 Dicembre), quando avviene il "cambio della bandiera" con i ragazzi della classe precedente sul sagrato della Chiesa di San Giuseppe, i giovani coscritti iniziano i festeggiamenti.

Nell’abbigliamento dei coscritti era previsto il classico cappellino a “bustina” ed il foulard tricolore con scritto l'anno di nascita dei festanti ragazzi .

In seguito, migliorate le condizioni economiche, veniva esposto sulla via principale uno striscione con la scritta “ W la classe…..”  ed affissi sulle case delle coscritte manifesti con la medesima scritta.

Nella frazione di Ravoledo, per festeggiare la coscrizione, vi era la tradizione della “calenda” che, secondo il Dizionario Etimologico Grosino, era una “consuetudine praticata dai giovani di leva, detti appunto per questo "calendòn", di girare casa per casa per raccogliere alimenti da consumare poi in compagnia in un locale appositamente adibito allo scopo".

Esauriti i giorni  festa i coscritti dichiarati “abili” restavano in attesa della “cartolina precetto” a seguito della quale lasciavano il paese per i reparti militari a cui erano stati assegnati.

Con il passare del tempo, e con l'abolizione del servizio militare obbligatorio,  la festa dei coscritti viene considerata come un passaggio dall'adolescenza all'età adulta, un'occasione per riunire i giovani del paese.

I ragazzi e le ragazze dello stesso anno si ritrovano in un locale appositamente addobbato per festeggiare, e alle volte escono assieme per le vie del paese con fischietti e campanacci.

La festa dei coscritti è una tradizione che continua ad esistere ed è molto sentita in paese, i giovani neomaggiorenni ogni anno contribuiscono ad animare Grosio in modo particolarmente vivace.

Su alcuni muri del paese sono ancora visibili i segni del passaggio dei coscritti delle varie classi, con diciture del tipo "W LA CLASSE .... "

La bandiera viene conservata dal Capo Coscritto, ed utilizzata durante particolari manifestazioni (cene dei coscritti, matrimoni, manifestazioni)

Dal 2010 la Pro Loco di Grosio organizza un seguitissimo "Palio dei Coscritti", dove le varie classi si sfidano in divertenti giochi per decretare la classe vincitrice.


Si Ringrazia Pini Stefano per le Foto.

I Coscritti sul Monumento ai Caduti

I Coscritti sul Monumento ai Caduti

Cappello Coscrizione 1934

Cappello Coscrizione 1934

Scritte sui muri a Ravoledo

Scritte sui muri a Ravoledo

I Coscritti di Grosio dell'anno 1960

I Coscritti di Grosio dell'anno 1960

Coscritti del 1993 in festa a Grosio

Coscritti del '93 in festa a Grosio

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per le finalità illustrate nella cookie policy.
Senza i cookie alcune parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Proseguendo la navigazione si accetta implicitamente il loro utilizzo.