Caccia e Pesca

Caccia e Pesca

Il territorio del comune di Grosio vanta un’antica tradizione venatoria: le attività di caccia e pesca sportiva vengono effettuate in modo consapevole e sostenibile.

La Caccia

Le valli ed i boschi della Valgrosina sono da sempre ricchi di fauna selvatica.
La selvaggina e la cacciagione presente è costituita da cervi, caprioli, camosci, stambecchi, lepri, marmotte e fagiani.
La caccia è un’attività che viene tramandata di generazione in generazione, molti degli attuali cacciatori conservano ancora con cura i fucili dei loro avi.
Uno degli aspetti più interessanti, e poco conosciuti, dell’attività venatoria è il censimento della popolazione della fauna selvatica presente nel territorio.
Tale censimento permette di stabilire quali specie sono “cacciabili” ed in quale periodo dell’anno, in modo da mantenere le popolazioni in equilibrio con l’ambiente in cui vivono.
Viene così conservata un’adeguata distribuzione per classi d’età ed un giusto rapporto tra i sessi degli animali.

Nel territorio di Grosio l’ente che ne regolamenta l’attività è il “Comprensorio Alpino della caccia di Tirano“.
Solitamente l’attività venatoria ha inizio nel periodo autunnale.

Da non sottovalutare l’impegno dei cacciatori, svolgono delle attività di sistemazione – messa in sicurezza dei sentieri di montagna, a beneficio dei tanti escursionisti che si avventurano in Valgrosina.

 

La Pesca

Le acque fresche e cristalline del torrente Roasco forniscono l’habitat naturale ideale per la Trota Fario ed Iridea.
Le due specie sono facilmente visibili nei tanti laghetti di montagna o nei numerosi corsi d’acqua presenti in Valgrosina.
Per poter pescare è necessaria una licenza, che viene fornita dall’ Unione Pesca Sportiva di Sondrio.
E’ altresì possibile praticare la pesca sportiva nel tratto del fiume Adda che passa da Grosio.