curiosità

Purscelin

Fino agli anni ’60 l’allevamento dei “purscelin”  rappresentava un’importante risorsa per l’economia del paese.

Molti commercianti grosini conducevano maiali e maialini in fiere e mercati anche molto distanti dalla Valtellina, per questo erano conosciuti un po’ ovunque.

I più maliziosi ricordano che quando Cristoforo Colombo giunse in America, trovò un Grosino che vendeva i purscelin!

Una canzone tradizionale, nella mente di molti abitanti del paese, nel testo riporta:

A Grosio di Valtellina la gemma più preziosa
A Grosio ogni bambina è un bel bocciol di rosa
D’estate matura il grano Settembre l’uva d’or
E a sera piano pian si fa l’amor.
All’alba col somarello ci si mette in cammino
Cantando un ritornello al pupo nel gerlino
Si falcia dal colle al piano coi ferri del lavor
E a sera sopra il fien si fa l’amor.
Il suono delle campane che varcano i confini
E volano lontano c onore dei grosini
Quel suono al mondo dice che siam lavorator
E che il grosin ha il cuor per far l’amor.
Andando passo spedito picchiando giù i sciupei
Gridando a gran mercato “cumpre’ cumpre’ i purscei”
E a sera dalla morosa col mazzolin di fior
Ci diamo un bel bacin bacin d’amor!